Caltanissetta città Millenaria: dal IV millennio a.C. ai giorni nostri

La città di Caltanissetta è tra le località siciliane più antiche in assoluto, la cui storia risale al IV millennio a.C. L’intero territorio di Caltanissetta presenta ancora oggi numerose testimonianze del suo passato, che lo rendono uno dei luoghi più suggestivi in cui trascorrere una bellissima vacanza in Sicilia. Questa località ha avuto una storia di alti e bassi, passando da periodi in cui Caltanissetta era confinata nel suo piccolo territorio rurale, ad altri in cui ha avuto l’occasione di esprimere tutto il suo potenziale, fino a diventare una delle città più importanti per l’intera Sicilia.

Caltanissetta nell’Età del Rame e dei Sicani

Sono numerosi gli storici che hanno affermato l’esistenza di diversi villaggi primitivi nel territorio di Caltanissetta già nell’Età del Rame, quindi risalenti addirittura al IV millennio a.C. Di questi antichi villaggi restano diverse aree archeologiche sparse per la città di Caltanissetta, grazie ai quali è stato possibile ricostruire gran parte della storia nissena. Ciò che portava i primi abitanti della Sicilia a insediarsi nel territorio di Caltanissetta era dovuto alla fertilità del suo terreno, che ne permetteva lo sviluppo e il sostentamento delle prime comunità. (vedi il Museo Archeologico Interdisciplinare)

Caltanissetta nell’Età del Bronzo

Tra le prime popolazioni di cui si ha traccia certa a Caltanissetta, vi erano i Sicani, i quali occupavano la parte centrale della Sicilia durante l’Età del Bronzo, stanziandosi tra gli Elimi e i Siculi. I villaggi originari sorsero a Caltanissetta intorno all’area di Sabucina, dove oggi è presente un importante parco archeologico coi resti delle antiche tracce umane in questo territorio. Sabucina visse due periodi totalmente differenti, in quanto fu, in un primo momento, una roccaforte dei Sicani durante le battaglie contro i vicini Siculi, per poi diventare, un paio di secoli dopo, un villaggio che ne mescolava entrambe le culture, vista la fine delle loro guerre a cui seguì una reciproca integrazione.

Contea di Caltanissetta

Dopo essere stata una città popolata dai vari dominatori della Sicilia, l’antica Caltanissetta ebbe un periodo di svolta alla fine del Duecento, in cui venne istituita la Contea di Modica, il cui primo feudatario fu Corrado I Lancia. Durante il periodo feudale, Caltanissetta acquisì sempre più importanza, sia da un punto di vista politico che economico, attirando anche le attenzioni di varie famiglie nobiliari che decisero di trasferircisi.

I Moncada a Caltanissetta

Tra le più importanti e potenti famiglie nobiliari passate per la città di Caltanissetta è doveroso citare i Moncada, insediatisi come signori della città agli inizi del Quattrocento, governando per ben 4 secoli, ponendo fine al loro controllo della città solo con l’abolizione del feudalesimo avvenuto nell’Ottocento. Grazie ai Moncada, Caltanissetta raggiunge il suo massimo splendore, tanto che è proprio a questa famiglia che sono attribuite le costruzioni della maggior parte degli edifici e dei monumenti ancora presenti nel suo territorio, mantenendo vivo il ricordo di una dinastia che ha reso grande la città nissena. (vedi il Palazzo Moncada)

Distretto siciliano di Caltanissetta

Quando nel 1812 venne abolita la feudalità, venne istituito il Distretto siciliano di Caltanissetta, uno dei più importanti dei 23 creatisi in Sicilia per tale occasione. Caltanissetta divenne il fulcro principale della Sicilia centrale, tanto che era proprio con questo distretto che si amministrava l’intero entroterra siciliano, esattamente come dimostrano le prime quattro provincie della Sicilia create nel 1824, in cui figuravano Catania, Messina, Palermo e, per l’appunto, Caltanissetta.

Le Guerre Mondiali a Caltanissetta

I conflitti mondiali hanno sempre visto la città di Caltanissetta coinvolta in diversi tragici episodi, in particolar modo durante la seconda guerra mondiale, in cui la città nissena venne bombardata mietendo tante vittime, oltre ad essere stata lo scenario di un conflitto tra le forze tedesche e quelle americane. La guerra causò ingenti danni a Caltanissetta, tanto che i disastrosi effetti si articolarono anche negli anni a seguire, soprattutto con una crisi economica che non fece sconti a nessuno. La situazione migliorò sono tra gli anni ’60 e ’70, grazie alle miniere di zolfo che resero la città tra le più importanti estrattrici al mondo di questa risorsa mineraria.

Caltanissetta Oggi

La città di Caltanissetta è tra i principali centri urbani della Sicilia, basando la sua economia prevalentemente sul turismo, potendo offrire ai suoi visitatori splendidi paesaggi naturali, aree archeologiche che raccontano la sua storia e meravigliosi monumenti che rappresentano in tutto l’essenza della città nissena.

Tags

Accedi a Sicily in Tour

oppure

I dettagli del tuo account saranno confermati via email.

Resetta La tua Password