Chiesa Madre di San Nicola di Bari ad Acate

Nessuna recensione
0

Descrizione

La Chiesa Madre di San Nicola di Bari è il principale luogo di culto della città di Acate, che conserva tra le sue mura l’importante storia della città. Situata nel cuore del centro storico cittadino, è uno dei luoghi più frequentati di Acate, non solo dai fedeli ma anche dai turisti, i quali restano incantati dalla bellezza architettonica della struttura.

Storia della Chiesa Madre di San Nicola di Bari ad Acate

Originariamente, nel periodo del Principato di Biscari, la Chiesa Madre di Acate era intitolata a San Biagio, Santo Patrono della città, come testimonia l’omonima via antistante, al tempo una ricorrente di tutte le chiese, e numerosi documenti storici che affermano questa tesi. La Chiesa Madre venne edificata presumibilmente tra la fine del XIII secolo e l’inizio del XIV, per poi essere ristrutturata diverse volte nei secoli successivi, anche a causa dei terremoti che arrecarono diversi danni, tra cui il devastante sisma del 1693. Solo nel XIX secolo la Chiesa Madre di Acate, nel dialetto locale chiamata anche “a Matrici”, venne intitolata a San Nicola di Bari.

Architettura della Chiesa Madre di San Nicola di Bari ad Acate

La suggestiva facciata della Chiesa Madre di San Nicola di Bari è caratterizzata dalla presenza di due campanili i cui apici culminano in una forma piramidale, situati ai lati della struttura, che proteggono l’unico ingresso, posto al centro dell’edificio. L’intera facciata può essere vista come un insieme di figure geometriche squadrate, ognuna delle quali rappresenta una sezione specifica, contornate da dettagli che ne impreziosiscono lo stile. All’interno si trova una grande navata centrale a cui seguono due navate laterali contigue dove sono poste diverse opere d’arte, tra cui molte statue raffiguranti San Biagio, San Giuseppe e la Madonna delle Grazie. Nei sotterranei della Chiesa Madre di San Nicola di Bari sono state trovate delle cripte al cui interno erano conservati dei corpi risalenti a diversi secoli fa.

I passaggi sotterranei tra la Chiesa Madre, il Convento e il Castello di Acate

Secondo una leggenda popolare, la Chiesa Madre di San Nicola di Bari, il Convento dei Frati Cappuccini e il Castello dei Principi di Biscari erano, un tempo, tutti collegati da passaggi sotterranei, che probabilmente sarebbero serviti ai Principi di Biscari come eventuale via di fuga in caso di attacchi. Questa leggenda potrebbe avere un fondo di verità, infatti, in seguito a degli scavi nella piazza adiacente durante dei lavori manutentivi, è stato scoperto un profondo fossato che potrebbe rappresentare la conferma di quella che comunque resta uno dei principali racconti folkloristici di Acate.

Come arrivare alla Chiesa Madre di San Nicola di Bari ad Acate

Raggiungere Acate per visitarne la Chiesa Madre di San Nicola di Bari, oltre agli altri luoghi di importante interesse storico e culturale, è molto semplice, in quanto la città è ben collegata con la rete stradale siciliana, in particolar modo con le Strade Provinciali 1, 2 e 3 che collegano direttamente ad Acate. Si può arrivare in questi luoghi anche con gli autobus delle autolinee siciliane, oltre che in aereo vista la vicinanza dell’Aeroporto di Comiso.

Scrivi una Recensione

Devi effettuare il login per lasciare una recensione.

Località / Contatti :

Orari di apertura :

Aperto Ora UTC + 1
  • LunedìAperto tutto il giorno
  • MartedìAperto tutto il giorno
  • MercoledìAperto tutto il giorno
  • GiovedìAperto tutto il giorno
  • VenerdìAperto tutto il giorno
  • SabatoAperto tutto il giorno
  • DomenicaAperto tutto il giorno

Ricendica Luogo: Chiesa Madre di San Nicola di Bari ad Acate

Rispondi a Messaggi

Accedi a Sicily in Tour

oppure

I dettagli del tuo account saranno confermati via email.

Resetta La tua Password