Alla scoperta dei sotterranei di Agrigento

L’intero territorio di Agrigento è caratterizzato dalla presenza di suggestivi sotterranei che, in antichità, svolgevano un importante uso idrico, in grado di trasportare l’acqua in tutto il suo territorio e favorire l’irrigazione dei campi agricoli. In alcuni casi, gli ipogei di Agrigento svolgevano un importante ruolo difensivo, oltre che a poter nascondere i suoi abitanti da eventuali attacchi nemici. Questi sotterranei rappresentano un punto importante per la storia della città, arrivati ai giorni nostri in ottimo stato e ben conservati.

Cosa farete

Tramite questo tour avete la possibilità di attraversare i principali percorsi sotterranei dell’antica Agrigento, tra suggestivi passaggi segreti e camere ipogee che collegavano i vari punti della città. Negli ipogei di Agrigento sono ancora visibili i segni rupestri dell’antica popolazione che abitava questa località, mostrandone i tratti caratteristici della loro prima costruzione. L’impronta dell’epoca greca, periodo in cui vennero realizzati questi sotterranei, sono tangibili, sebbene il loro uso venne esteso anche alle popolazioni successivi.

Il tuo itinerario

Ipogeo Kolymbetra

È un suggestivo percorso che copre un’estensione di circa 185 metri, che collega il giardino Kolymbetra con la Porta Carlo V di Agrigento. L’Ipogeo Kolymbetra venne costruito nel V secolo a.C. in prossimità di un antico pozzo profondo 10 metri, sfruttandone questa cavità per l’inizio dei suoi lavori. Attraversandolo si potrà notare un ambiente quasi magico, con minerali che arricchiscono sia le sue pareti che il tetto, oltre ai suggestivi segni dei suoi primi scavi rimassi impressi in più punti.

Ipogeo Purgatorio

L’Ipogeo Purgatorio è tra i più grandi del territorio di Agrigento ed è caratterizzato da una particolare forma labirintica che lo fa differire dagli altri. Tale conformazione è riconducibile a un momento successivo alla sua costruzione, con delle modifiche effettuate intorno al X secolo d.C. che ne miglioravano il sistema difensivo della città.

Ipogeo Teatro Pirandello

Questi sotterranei sono situati in pieno centro storico di Agrigento, in cui queste topologie di cavità sono ricorrenti con varie ramificazioni. L’Ipogeo Teatro Pirandello è stato determinante per la ricostruzione della storia di Agrigento, in quanto è verosimile che si sviluppasse nella sua superficie poiché principale bacino idrico di questo luogo, da cui, per l’appunto, i suoi abitanti potevano attingere acqua con maggior facilità.

Ipogeo Giacatello

L’Ipogeo Giacatello è tra i più particolari, in quanto arricchito dalla presenza di numerosi pilastri sparsi al suo interno, in cui è possibile trovare camere molto ampie. Una peculiarità di questo ipogeo è che si trova appena sotto il livello del suolo, tanto da contare sulla presenza di alcune aperture sui suoi tetti che fungevano da lucernai, facendo passare direttamente la luce solare. A causa di queste aperture, l’ipogeo veniva invaso anche da acqua piovana, sterpaglie e detriti della superficie.

Ipogeo Giardino Botanico

Il Giardino Botanico di Agrigento è un incantevole luogo paesaggistico, da cui si ha la possibilità di accedere in uno dei sotterranei più apprezzati dagli speleologi, caratterizzata da una particolare conformazione calcarea e argillosa. L’ingresso a questo ipogeo è caratterizzato da una scenografica apertura rupestre ricavata nella roccia, da cui si diramano dei percorsi per lo più in verticale e alcune gallerie che scendono ancor più verso il basso.

Ipogeo degli Ulivi

È un sotterraneo stresso e tortuoso, con un’altezza che non supera i 165 cm, catalogandosi come tra quelli più difficili da attraversare. La sua pavimentazione è tendenzialmente fangosa ma, nonostante il tempo trascorso, si è conservato bene e mostra ancora oggi alcuni segni di un’antica attività rupestre.

Ipogeo del Santuario di Demetra

L’Ipogeo del Santuario di Demetra è risalente al VII secolo a.C., quindi ancor prima della fondazione dell’antica città di Agrigento. Originariamente, la sua funzione era stata concepita per servire di acqua il santuario, ma vi sono ancora numerosi dubbi circa altri suoi usi, poiché il suo tragitto è stato totalmente occluso da un accumulo di terriccio che ne blocca il suo passaggio.

Il tuo percorso

Gli altri Tour...

belvedere castelmola

Borghi Medievali di Messina

Seguendo le indicazioni di questo tour, potete attraversare il territorio messinese alla scoperta di alcune delle sue borgate più belle, visitando i loro monumenti caratteristici e scoprendone le loro tradizioni più antiche.

Scopri »

Accedi a Sicily in Tour

oppure

I dettagli del tuo account saranno confermati via email.

Resetta La tua Password