I tesori della Cava d’Ispica: un patrimonio archeologico

Tra i luoghi più caratteristici del territorio ibleo vi è certamente la Cava d’Ispica, una vasta area naturale che conserva uno dei tesori archeologici più importanti della Sicilia. I primi insediamenti umani in quest’area siciliana avvennero proprio nella Cava d’Ispica, in un’epoca stimata intorno al 3000 a.C., in piena Età del Bronzo Antico, in quanto ben si prestava alla vita grazie alla ricca vegetazione, alla presenza di numerosi spazi da destinare a colture e al fiume che scorre a valle, che rappresentava un ottimo bacino idrico. Oggi è possibile ammirare i resti millenari di quella che un tempo veniva chiamata Spaccaforno, da cui poi nacque l’attuale Ispica, con numerose costruzioni realizzate scavando nella roccia, perfettamente conservati fino ai giorni nostri. Vi invitiamo caldamente a visitare la Cava d’Ispica, in quanto uno dei luoghi più affascinanti di tutta la Sicilia, dove potrete riscoprire una delle pagine più antiche del territorio.

Il Castello Siculo alla Cava d’Ispica

Il Castello Siculo è una fortezza di 4 piani interamente costruita scavando nella roccia con rudimentali strumenti in bronzo e in ferro, presentandosi come un’opera architettonica mastodontica che dall’alto veglia sull’intera cava. Il castello è situato al centro della Cava d’Ispica e sono ancora oggi visitabili diversi suoi locali, collegati l’un l’altro da scalinate e stretti corridoi.

Il Fortilitium della Cava d’Ispica

Il Fortilitium è il secondo castello presente nella Cava d’Ispica, anch’esso localizzato su un’altura che lo pone a un livello sopraelevato rispetto alla valle, a cui si poteva accedere tramite ponte levatoio. Del Fortilitium sono rimaste solo poche parti, sebbene ben conservate, in cui potrete vedere un’antica scuderia realizzata dentro la roccia e il pavimento della storica Chiesa di Maria Santissima Annunziata, oltre ad alcuni ritrovamenti del Palazzo Marchionale.

Le Catacombe della Cava d’Ispica

All’interno della Cava d’Ispica avrete la possibilità di vedere numerose catacombe, ognuna delle quali catalogabile in epoche differenti. Di seguito ve ne indichiamo alcune degne di note.

  • Catacomba Larderia: la più nota e scenografica, oltre ad essere quella meglio conservata. Si estende per oltre 500 metri quadrati, che fanno di essa la seconda catacomba più grande della Sicilia. È articolata in tre corridoi, di cui quello principale si estende per circa 40 metri.
  • Catacomba Camposanto: questa necropoli risale ai IV secolo e conta circa 60 fosse e numerosi sarcofagi scavati ottenuti direttamente scavando nella roccia.
  • Catacomba Baravitalla: la Catacomba Baravitalla è caratterizzata dalla presenta di vari ornamenti e a una struttura decisamente più curata rispetto le altre necropoli presenti in questi luoghi, ciò lascia pensare alla possibilità che qui venivano seppelliti personaggi particolarmente importanti.
  • Catacomba Calicantone: la Necropoli Calicantone è tra le più antiche, risalente all’Età del Bronzo Antico. Vede la presenza di oltre 100 tombe a grotticella, dove sono stati rinvenuti tantissimi oggetti al loro interno.
  • Catacomba San Marco: la Catacomba San Marco è attribuita a una antica comunità rurale del IV secolo. Al suo interno è possibile trovare un grande corridoio principale e uno secondario, alle cui parete sono state scavate oltre 250 tombe.
  • Catacomba Contrada Crocefia: la Necropoli Contrada Crocefia è la più recente scoperta della Cava d’Ispica, in quanto venuta alla luce solo nel 2013 insieme a una grande quantità di reperti. Ancora oggi sono in corso degli scavi e delle operazioni di restauro per rendere visitabili i suoi locali con la massima sicurezza.

La Grotta dei Santi alla Cava d’Ispica

La Grotta dei Santi è uno dei luoghi più particolari della Cava d’Ispica, al cui interno è possibile trovare ciò che resta di 36 affreschi raffiguranti altrettanti Santi, brutalmente danneggiati, secondo una leggenda popolare, da qualcuno che ne scavò le pareti in cerca di un inestimabile tesoro composto da una grande quantità di monete d’oro.

Il Ginnasio della Cava d’Ispica

Il Ginnasio è un luogo della Cava d’Ispica realizzato in età greco-romana, composto da due locali, di cui il principale era adibito alle importanti assemblee della storica comunità. Nelle pareti sono ancora visibili delle incisioni che indicavano i posti a sedere per gli incontri.

La Cava d’Ispica è un importante luogo che racconta la storia non solo di Ispica ma della Sicilia intera. Nei suoi siti archeologici potrete ammirare opere realizzate con uno stile architettonico particolarmente rudimentale ma comunque affascinante, le cui rocce scavate si mescolano perfettamente con la ricca vegetazione, componendo dei paesaggi veramente singolari.

Per la vostra vacanza a Ispica ritagliatevi una giornata per visitare la Cava, con diverse guide turistiche che vi accompagneranno alla scoperta di questi luoghi incantevoli.

Se vuoi saperne di più su Ispica e sulla Sicilia, ti suggeriamo di consultare le pagine di Sicilyintour.com e di seguirci sui nostri profili social, per restare sempre aggiornato su tutte le novità del territorio con importanti consigli di viaggio preparati su misura per voi.

Altre cose da fare a Ispica

Luoghi interessanti

Scopri i monumenti e i siti storici della città

Esperienze Uniche

Tante esperienze da vivere ad Aci Castello

Dove Dormire ad Aci Castello

Scegli dove soggiornare nel cuore della costiera

Eventi di Sicilia

Scopri gli eventi più famosi della città di Ispica

Dove Mangiare ad Aci Castello

Visita i migliori ristoranti della città.

Dove fare shopping

Visita i negozi caratteristici dei dintorni

Tags

Accedi a Sicily in Tour

oppure

I dettagli del tuo account saranno confermati via email.

Resetta La tua Password